Il mercato europeo

La Commissione ha pubblicato in luglio l’aggiornamento delle previsioni circa i mercati agricoli europei e mondiali fino al 2012. La produzione di carne suina dovrebbe aumentare ad un tasso inferiore a quello registrato negli anni novanta. Nel 2012 è prevista una produzione della UE-25 di circa 22 milioni di tonnellate (18.664.000 t nella UE-15 e 3.334.000 nei 10 nuovi Paesi membri). I consumi sono in aumento e dovrebbero superare all’interno dell’Unione i 20 milioni di tonnellate, con un consumo pro capite che passerebbe dai 43,5 Kg del 2004 ai 44,4 Kg del 2012. L’andamento delle esportazioni dovrebbe mantenere un trend leggermente espansivo (1.343.000 t nel 2012) mentre saranno più intensi gli scambi all’interno della UE. In merito alle suinicolture extra UE, la Commissione ha utilizzato i dati di diverse agenzie internazionali OECD, USDA e FAPRI. Le previsioni indicano una espansione della produzione e dei consumi mondiali, trascinati dalla crescita demografica e del reddito dei Paesi asiatici e latino americani. La Cina da sola dovrebbe contribuire a circa il 60 % dell’aumento produttivo mondiale nei prossimi sette anni. Altre suinicolture in forte crescita sono: Brasile, Messico, Canada e Russia.